L'alternativa ai Voucher

  • Tempo di lettura: 1 minute

(di Eleonora De Biaggi)

Il Presidente della Commissione Lavoro al Senato Maurizio Sacconi ha presentato il Disegno di Legge sul lavoro breve. A seguito dell'abolizione dei voucher,
avvenuta il 17 marzo 2017, questo ddl pare colmare il vuoto creatosi proponendo due alternative percorribili:

  1. Il lavoro breve
  2. Il lavoro ad intermittenza.

________________________________

IL LAVORO BREVE: CARATTERISTICHE E MODALITÀ DI UTILIZZO

Il ddl definisce il lavoro breve come una tipologia di occupazione del tutto saltuaria e caratterizzata dalla occasionalità: il reddito percepito sarà basso.

La soglia fissata è di 900 Euro annui per ogni committente (diminuita rispetto ai 2.000 Euro precedenti)per un totale di 2.000 Euro all'anno percepibili dal collaboratore(diminuiti rispetto ai precedenti 7.000 Euro).

Le modalità di utilizzo di questa nuova forma di impiego sono molto semplici:

  • Registrazione online sulla piattaforma INPS per committente e lavoratore
  • Il committente deve comunicare l'inizio dell'attività lavorativa con almeno un'ora di anticipo.
  • Il pagamento sarà digitale: 10 Euro/oraal lordo delle trattenute INPS e INAIL, pari al 20% complessivamente. (In pratica il costo netto sarà quasi come il voucher cioè di 8.00 euro)

________________________________

IL LAVORO AD INTERMITTENZA: CARATTERISTICHE E MODALITÀ DI UTILIZZO

L'altra forma prevista dal ddl è quella del lavoro ad intermittenza o a chiamatasemplificato. Questa tipologia prevede una maggiore stabilità rispetto al lavoro breve ma deve trattarsi pur sempre di un lavoro saltuario.

Attualmente vigono le seguenti limitazioni:

  • Non si possono superare le 400 giornate effettive di lavoro in un triennio
  • Possono essere assunti persone con meno di 24 anni o con più di 55 anni.
  • La definizione dei casi d'impiego da parte della contrattazione collettiva dal Regio decreto del 1923

La semplificazione prevista dal ddlfa venire meno tali limitazioni e sarà possibile attivarlo senza i vincoli dei limiti di età e della contrattazione collettiva.

Il presente disegno di legge è la base della prossima discussione e rimaniamo in attesa dell'emanazione del decreto.

Etichette