Contributi per Acquisto Strumenti Musicali

  • Tempo di lettura: 1 minute

(di Eleonora De Biaggi)

L'Agenzia Entrate con Provvedimento n. 50771 del 14 marzo 2017 ha comunicato le modalità di fruizione del "Bonus" per l'acquisto di strumenti musicali nuovi per gli studenti che intendano procedere con tale acquisto.

Si tratta di un bonus riservato agli studenti iscritti ai licei musicali, corsi pre-accademici, corsi del precedente ordinamento e corsi di diploma di I e di II livello dei conservatori di musica, degli istituti superiori di studi musicali e delle istituzioni di formazione musicale e coreutica autorizzate a rilasciare titoli di alta formazione artistica, musicale e coreutica ed è concesso per acquistare uno strumento musicale Nuovo.

Requisito per l'accesso al bonus è la regolarità del pagamento delle tasse e dei contributi dovuti per l'iscrizione all'anno 2016-2017 o 2017-2018. Verificata la regolarità si può richiedere all'istituto un certificato di iscrizione che riporti alcuni dati necessari all'accesso al bonus come cognome, nome, codice fiscale, corso e anno di iscrizione, strumento musicale coerente con il corso di studi da consegnare al rivenditore all'atto dell'acquisto.

Il contributo spettante sarà erogato "una tantum" per gli acquisti effettuati nel 2017, per un importo fino al 65% del prezzo dello strumento fino ad un massimo di 2.500 euro. Agli studenti che hanno già beneficiato dell'agevolazione per l'acquisto di uno strumento musicale nel 2016, possono usufruire di uno sconto residuo detratto il contributo già fruito.

Per i rivenditori o i produttori lo sconto concesso si trasforma in credito d'imposta, credito che verrà assegnato in ordine cronologico fino a concorrenza dei 15 milioni di euro disponibili

A partire dal 20 aprile 2017 l'esercente o il produttore potrà recuperare lo sconto con le seguenti modalità:

Prima della conclusione della vendita, l'esercente comunicherà All'Agenzia Entate, attraverso Entratel o Fisconline, il proprio codice fiscale, quello dello studente e dell'istituto che ha rilasciato il certificato di iscrizione, il tipo di strumento musicale, il prezzo di vendita comprensivo del contributo e dell'imposta sul valore aggiunto. A quel punto il sistema telematico rilascerà apposita ricevuta attestante la fruibilità o meno del credito di imposta nel limite delle risorse stanziate, verificando la correttezza dei dati e tenendo conto dell'eventuale contributo già utilizzato dallo studente nel 2016. A partire del secondo giorno lavorativo successivo alla data di rilascio della ricevuta, il credito d'imposta potrà essere utilizzato in compensazione attraverso il modello F24 utilizzando il codice tributo 6865.

L'iniziativa, seppur contenente una certa complessità tecnica legata alla verifica preventiva della disponibilità del credito, è comunque apprezzabile nel suo complesso in quanto permette di fornire un aiuto concreto per questo indirizzo di studi.

Etichette