Agevolazioni Pmi - Digital Bonus, Bonus Editoria e Credito Imposta R&S

  • Tempo di lettura: 1 minute

(di Luca Zambello)

Una fine d'anno carica di novità (positive e negative) per questo 2013. Tra le novità positive che riguardano alcuni risparmi per i contribuenti - si vedano gli interventi volti alla riduzione del costo dell'Energia Elettrica, alle semplificazioni per la creazione di nuove imprese - ma anche bonus fiscali e contributi per la realizzazione di determinati investimenti, tra i quali ricordiamo:

  • Digital Bonus del 65%
  • Detrazione del 19% sull'acquisto di libri
  • Credito di Imposta per le spese di R&S.

Digital Bonus del 65% - Cos'è?

E' un provvedimento di defiscalizzazione riservata alle Pmi che si realizza in due modalità distinte:

  1. Contributo diretto all'impresa attraverso l'erogazione di un voucher di € 10.000
  2. Riconoscimento di una detrazione fiscale del 65% delle spese sostenute per l'investimento.

Il voucher è destinato all'acquisto di prodotti informatici, come ad esempio software, hardware o servizi digitali, volti all'aggiornamento della struttura esistente oppure spese per la modifica e l'adeguamento dell'impianto fisico già installato con l'obiettivo di migliorarne l'efficenza.

La detrazione del 65% riguarda invece le spese sostenute per l'acquisto di servizi di connettività alla rete da almeno 30 megabit per secondo, con un limite di spesa pari ad € 20.000

L'accesso al contributo è riservato alle Piccole e medie imprese e le risorse rese disponibili ammontano a 100 milioni di euro.

Editoria

Provvedimento volto a supportare l'editoria in forma cartacea, si concretizza in una detrazione fiscale pari al 19% sulla spesa sostenuta per l'acquisto di libri. La detrazione parte dal 1 gennaio 2014 e avrà una capienza di spesa pari a massimo 2.000 euro. La somma riguarda però due categorie di letture:

  • 1.000 euro riservati per l'acquisto di testi scolastici ed universitari
  • 1.000 euro per tutte le altre pubblicazioni

Non riguarda l'acquisto di e-book e libri in formato digitale

Credito d'imposta in R&S

L'intervento si sostanza nel riconoscimento di un credito d'imposta di ammontare pari al 50% delle spese in incremento per la ricerca e sviluppo, sostenute dall'impresa, rispetto all'anno precedente. Per accedere al credito d'imposta sarà necessario aver riscontrato un aumento delle spese per la ricerca e sviluppo di almeno 50.000 euro.

Questi interventi sono senza dubbio un buon segnale che denota una certa attenzione al mondo delle Pmi, tuttavia vien normale pensare che probabilmente tali interventi avrebbero dovuto concretizzarsi prima dato che le risorse disponibili per le imprese si riducono sempre di più e gli interventi in investimenti non sono sempre tra le priorità.

Etichette