Inps Artigiani e Commercianti: prorogata ad agosto la scadenza del 17 Maggio

Inps Artigiani e Commercianti: prorogata ad agosto la scadenza del 17 Maggio

I contributi Inps di Artigiani e Commercianti slittano di scadenza dal 17 Maggio al 20 Agosto 2021. La proroga giunge a ridosso della scadenza - prevista per lunedì 17 maggio - tramite un comunicato dell'Inps pubblicato soltanto nella giornata di Giovedì 13 Maggio dopo una informale anticipazione del Ministro del Lavoro in una intervista della sera precedente.

Sospensione scadenza Inps Artigiani e Commercianti

Attraverso il messaggio Inps n. 1911 del 13 Maggio 2021 viene comunicata la proroga della scadenza originaria prevista per lunedì 17 maggio posticipandola di 3 mesi fissando la nuova scadenza al 20 agosto 2021.

I motivi del posticipo dei termini di pagamento trova origine nell'ìesonero contributivo previsto con la Finanziaria 2021 la quale introduceva lo "sgravio contributivo" per le Partite Iva in risposta alle difficoltà economiche provocate dall'Emergenza Sanitaria da Covid-19. In tale sede si preannunciava una sorta di "anno bianco" per i contributi Inps di Artigiani e Commercianti che confidavano nella possibilità di poter evitare il pagamento dei contributi Inps viste le difficoltà provocate dalla crisi economica che interessa imprenditori e professionisti i quali da oltre un anno sono alle prese con le restrizioni a causa della pandemia.

Lo sgravio contributivo

La proroga dei termini di pagamenti arriva dunque come atto dovuto giustificata dalla necessità di attendere la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale il Decreto Attuativo (atteso da gennaio) del Ministero del Lavoro e del MEF firmato il 7 Maggio 2021. Nel decreto attuativo dovrebbero infatti fisserebbe la scadenza per l'invio della domanda di sgravio al 31 luglio 2021.

Ricordiamo di seguito di requisiti per l'accesso:

  • Reddito lordo Imponibile ai fini Irpef inferiore ad € 50.000 con riferimento all'anno 2019
  • calo del fatturato o dei corrispettivi, nell'anno 2020, pari ad almeno il 33% rispetto al 2019

Vista la prossimità della scadenza, chi avesse già provveduto al versamento può comunque chiedere il rimborso entro il 30 Novembre 2021. 

Chi potrà accedere allo sgravio contributivo?

Ricordiamo di seguito le categorie di soggetti che possono rientrare nello sgravio contributivo previsto dalla Finanziaria 2021:

  • Lavoratori iscritti alle gestioni speciali AGO - gestioni autonome speciali degli artigiani e commercianti, coltivatori diretti, coloni e mezzadri;
  • lavoratori iscritti alla gestione separata , compresi i lavoratori soci di società ed i professionisti componenti di studio associato
  • professionisti iscritti agli enti gestori di autonome casse di previdenza

Ancora una volta le iniziative arrivano spesso troppo tardi per evitare ai contribuenti l'esborso di somme non dovute, specialmente in una fase delicata come quella che stiamo attraversando. 

Non ci resta quindi che comunicare, con il poco tempo concesso, la possibilità di rimandare di qualche mese il pagamento dei contributi in attesa di regole più certe su come gestore lo sgravio.