Decreto Ristori: risorse immediate già dal 15 novembre

Decreto Ristori: risorse immediate già dal 15 novembre

Con il Decreto Ristori annunciato nella serata di ieri, il Governo ha varato un pacchetto di indennizzi per le attività colpite da chiusure o riduzioni di orario introdotte con il Decreto del 25 Ottobre (ne abbiamo parlato qui).

Le misure confermate sono le seguenti:

  • nuovo contributo a fondo perduto - promesso entro il 15 Novembre - esteso a Taxi e Ncc
  • due mensilità aggiuntive di reddito di emergenza
  • sospensione del versamento dei contributi di novembre concesso alle attività chiuse con il Dpcm del 25 Ottobre
  • Voucher per il rimborso dei biglietti per spettacoli dal vivo annullati, fino a fine gennaio
  • blocco dei licenziamenti fino al 31 gennaio
  • blocco dei pignoramenti di immobili fino al 31 dicembre
  • cancellazione rata Imu di dicembre per le attività chiuse o con limitazione di orario dall'ultimo Dpcm
  • nuovo credito d'imposta di tre mesi per le locazioni commerciali

Decreto Ristori: Fondo perduto Novembre

Decreto Ristori. Contributi a fondo perduto dal 15 novembre

La misura senza dubbio più importante di questo Decreto in quanto rappresenta l'indennizzo più veloce (per lo meno promesso) rivolto alle categorie che sono state interessate dai provvedimento di sospensione o riduzione dell'attività. L'assegnazione del contributo si basa sull'assegnazione di un coefficiente "di ristoro" variabile a seconda del attività economica svolta e che si possono riassumere come segue:

  • ai bar viene assegnato un coefficiente del 150% rispetto al contributo 
  • ai ristoranti coefficiente del 200% di quanto ricevuto in estate
  • alle discoteche coefficiente del 400%.

Limite massimo di indennizzo fissato ad € 150.000

Sulla base delle dichiarazioni del Governo, il nuovo contributo dovrebbe arrivare sicuramente entro il 15 novembre con accredito diretto sul conto del contribuente. La cosa potrebbe anche essere fattibile dal momento che il meccanismo del rimborso è collegato alla presentazione dell'istanza per il fondo perduto di questa estate e l'Agenzia Entrate (delegata all'erogazione) è già in possesso dei dati dei destinatari di questo ultimo provvedimento.

Chi non ha chiesto il contributo a fondo perduto entro lo scorso 13 agosto dovrà presentare apposita istanza per la quale l'Agenzia Entrate riaprirà il canale dedicato. Saranno esclusi dal ristoro i soggetti che hanno attivato la partita Iva a partire dal 25 ottobre o coloro che abbiano già cessato l'attività alla medesima data.

La differenziazione dei coefficienti avverrà in base ai Codici Ateco. Come anticipato sopra, l'accredito sarà automatico e avverrà sul medesimo conto corrente indicato nell'istanza precedente.

Indennizzi a Tassisti e Ncc

Originariamente esclusi ora sono stati inseriti nel testo definitivo del decreto i Tassisti ed i Titolari di Noleggio con Conducente tra i soggetti destinatari dei ristori stanziati dal Governo in quanto qualificate anche queste come attività danneggiate dalle ultime misure anti Covid.

Indennizzi al settore Sport e Turismo

Assegnati ai lavoratori dello sport, ovvero lavoratori impiegati con rapporti di collaborazione presso il Coni, Comitato Paralimpico, federazioni sportive nazionali, discipline sportive associate, enti di promozione sportiva riconosciute, società ed associazioni sportive dilettantistiche, un indennizzo di 800 euro; per i lavoratori stagionali del turismo e dello spettacolo l'indennità sale a 1.000 euro.

Ulteriori 50 milioni di euro saranno destinati all'adozione di misure di sostegno per le associazioni e società sportive dilettantistiche penalizzate dall'ultimo Dpcm.

400 Milioni di Euro anche per le fiere internazionali cancellate a causa della pandemia.

La tabella provvisoria dei coefficiente potete visualizzarla Qui

Rinnovo Cassa Integrazione

Prorogata al 31/01/2021 la Cassa Integrazione tramite l'introduzione di 6 settimane aggiuntive da utilizzare entro il mese di gennaio. Alla medesima data viene prorogato il blocco dei licenziamenti, da febbraio in poi il blocco sarà applicato soltanto a coloro che stanno ancora usando la cassa integrazione. Stanziamento di 2,6 miliardi per finanziare la Cassa Integrazione riservata ai dipendenti e lavoratori delle attività soggette a restrizioni.

Imu e Locazioni Commerciali

Decretata la cancellazione della rata Imu di dicembre per tutte le attività chiuse o soggette a limitazioni con l'ultimo Dpcm.

Per chi gestisce attività in affitto o locazione varato un nuovo credito d'imposta pari a tre mensilità. L'importo potrà essere imputato in conto imposte future oppure ceduto al proprietario.


Non rimane che attendere il 15 Novembre per avere conferma se le promesse saranno mantenute oppure se, come già successo in aprile, il pagamento automatico sarà sostituito da istanze, pratiche, intoppi informatici.

Apprezzabile l'iniziativa del governo di rimborsare quanti hanno già subito ingenti danni dalla situazione generale ma ancora una volta si corre ai ripari dopo aver agito d'impulso con chiusure frettolose sulla base di dati e pareri discordanti. Potremmo infatti raccogliere visioni diametralmente opposte di chi ritenga sufficiente gli aiuti concessi e di chi avrebbe preferito rimanere senza aiuti ma con la possibilità di lavorare.